Bonus mobili ed elettrodomestici: 50%

Chi acquista mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (per i forni è sufficiente la classe A) può usufruire di una detrazione Irpef del 50%, calcolabile su un importo massimo di 10mila euro, ripartita in dieci quote annuali di pari importo. La condizione per accedere al bonus è che l’immobile per il quale si acquistano gli arredi sia oggetto di una ristrutturazione edilizia (che dia accesso alla relativa detrazione al 50%). L’Agenzia delle Entrate ha comunque spiegato che la detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati a un ambiente diverso da quello interessato dalla ristrutturazione (purché dello stesso immobile).
Gli arredi
Per accedere alla detrazione è, inoltre, essenziale che la data d’inizio dei lavori di ristrutturazione (manutenzione straordinaria, ricostruzione di un immobile danneggiato da eventi calamitosi) preceda quella dell’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Le tipologie che danno diritto allo sconto fiscale sono: cassettiere, librerie, scrivanie, armadi, letti, comodini, tavoli, sedie, divani, poltrone, credenze, materassi, lampade. Invece, non si possono detrarre porte, pavimenti (parquet o marmi), tende e vari complementi d’arredo. Nella detrazione, inoltre, è possibile inserire le spese di montaggio e trasporto.
Gli apparecchi
Nei grandi elettrodomestici rientrano: piastre riscaldanti, forno, frigorifero, lavastoviglie, lavatrice, asciugatrice, stufe elettriche, ventilatori, condizionatori d’aria, eccetera.

Come pagare
Per accedere al bonus mobili è necessario pagare con bonifico o carta di debito/credito, mentre non sono accettati contanti e assegni. Anche in caso di finanziamento a rate e di acquisti all’esterno

Per eventuali chiarimenti non esitare nel contattarci.